martedì 24 febbraio 2015

IL MIRTILLO

Rubrica: Alimentazione e sport




Frutto tipico del sottobosco, il mirtillo, ha tradizioni antichissime e viene utilizzato per curare diverse patologie. I mirtilli generalmente crescono nelle zone montane, sulle Alpi e sugli Appennini, nei boschi e trovano la loro maggiore diffusione sui terreni ricchi di humus.
La fioritura dei mirtilli avviene in primavera e si distinguono i tre differenti specie: il mirtillo nero, il mirtillo rosso e il mirtillo blu.
Secondo alcune recenti ricerche effettuate negli Stati Uniti, queste piccole bacche, sarebbero dotate di un enorme quantitativo di sostanze antiossidanti, in grado quindi di prevenire patologie cardiovascolari, proteggere dai tumori e addirittura ritardare il naturale processo di invecchiamento.
Dunque hanno un duplice scopo: da una parte rappresentano una fonte di alimento, dall'altra vengono utilizzate come medicamento.

Il mirtillo nero è quello maggiormente ricco di principi salutari. Infatti contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l'acido citrico, che protegge le cellule, ma anche l'acido ossalico, l'idrocinnamico e il gamma – linolenico.
L'acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto.
L'acido idrocinnamico è molto efficace perché è in grado di neutralizzare le sostanze cancerogene presenti nell'apparato digerente.
L'acido gamma – linolenico invece è molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica.
Inoltre il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico ( una vitamina molto importante per le varie e numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali, oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura.
Le antocianine infine rafforzano il tessuto connettivo che sostiene i vasi sanguigni e ne migliorano l'elasticità e il tono.
Tutte queste sostanze infine favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica, migliorando la capacità di vedere in condizioni di luce scarsa.




LA RICETTA DELLO CHEF
Risotto al mirtillo


Ingredienti:


320 g di riso
200 g di mirtillo
1 bicchiere di vino bianco
Mezzo bicchiere di panna
1 cipolla
Brodo
40 g di parmigiano grattugiato
40g di burro
Pepe e sale


Preparazione:


In un tegame dai bordi alti lasciate fondere il burro e insaporitevi la cipolla tritata finemente. Quando la cipolla è diventata trasparente, unite il riso e mescolate per assorbire il condimento.
Spruzzate con il vino e fate evaporare.
Aggiungete i mirtilli, tenendone due cucchiai da parte, e bagnate con un mestolo di brodo caldo.
Portate a cottura il risotto aggiungendo un mestolo di brodo caldo alla volta. Quando il risotto è pronto regolate il sale e il pepe, aggiungete la panna, mescolate per amalgamare bene il tutto e servite caldo sul piatto da portata.
Guarnite infine il risotto con i mirtilli avanzate e con il parmigiano grattugiato.





A cura di Federico Oteri
Biologo Nutrizionista